Maramora, Racconti, articoli, foto e video per adulti


Daniela
Racconti - Lesbiche
Scritto da Mara Mora   
Martedì 27 Aprile 2010 22:49

Daniela, 30 anni, era sposata con un idraulico siciliano immigrato da dieci anni lì a Bologna.
Daniela lavora come commessa in un negozio di abbigliamento, il marito torna spesso tardi la sera ed è quasi sempre nervoso, lei pertanto è spesso costretta a subire i soprusi e soprattutto le depravazioni del marito.
Daniela è una bella donna con un culo bello tondo e due tette belle grosse, il marito è da parte sua molto dotato.
I soprusi che Daniela deve subire sono sempre più numerosi: spesso il marito le ordina di presentarsi in ginocchio davanti alla porta d'ingresso a bocca aperta ogni volta che questi ritorna a casa, appena rientra lui si tira giù la lampo, tira fuori l'enorme cazzo e lo infila dentro la bocca di lei, quindi comincia un veloce pompino che si conclude sempre con una enorme sborrata che riempie la bocca di Daniela.
Il marito a volta l'ha picchiata perché lei ha fatto cadere in terra una goccia; altre volte invece ritorna a casa con alcuni ragazzi di 18 anni rimorchiati per la strada, mentre li fa attendere in soggiorno va a prendere la moglie con la forza e la lega al termosifone a muro del soggiorno in piedi con il vestito lungo a scacchi rossi che mette sempre per stare in casa, dice ai ragazzi di avvicinarsi e di palparla per bene, i ragazzi non si fanno pregare e la tastano dappertutto, sul culo, nelle tette, sulla fica, le cosce, i ragazzi sono molto intraprendenti e a un certo punto le sbottonano la parte sopra del vestito mostrando il reggiseno, lo tolgono liberando così le grosse tette che vengono furiosamente tastate e strizzate da tutti quanti leccando i capezzoli, eccitati da quelle belle tette si tirano fuori il cazzo e cominciano a masturbarsi.
Daniela è costretta a stare lì, con le tette di fuori a sorbirsi la vista di quegli adolescenti che si tirano le seghe, ad un certo punto il marito dice ai ragazzi di darsi da fare e questi finiscono di sbottonarle il vestito, tirano giù le mutandine, mostrando una fica bella pelosa e, a turno, cominciano a infilargli il cazzo dentro scopandola furiosamente, quando stanno per venire però lo tirano fuori, la fanno inginocchiare e le sborrano sulle tette e sulla faccia, dopodiché arriva il marito e, guardandola tutta imbrattata di sperma, le ordina di leccargli il buco del culo, lei lo fa mentre lui si masturba, quando sta per venire si gira e sborra anche lui copiosamente sul viso della moglie.
Tutto questo accade abitualmente in quella casa ma un giorno si verificò un episodio che cambiò le cose: una sera il marito tornò a casa ubriaco, la svegliò, le strappò il pigiama prese un manico di scopa e la violentò con questo, il dolore per Daniela era lancinante, improvvisamente cominciò ad uscire il sangue dalla fica e lei svenne, il marito spaventato chiamò subito l'ambulanza, Daniela venne trasportata in ospedale e, quando si riprese, raccontò tutto quanto ai medici, questi allora chiamarono la polizia e il marito venne denunciato; per Daniela, finalmente libera, si prospettava però un periodo di cure sia fisiche che psicologiche in ospedale.
Quando la sorella Lucia seppe l'accaduto si precipitò in ospedale ma dalla sorella seppe soltanto che il marito l'aveva picchiata, ma mai tutta la verità. Quando ritornò a casa era sconvolta e si precipitò a piangere tra le braccia del marito che la coccolò un po' ascoltando quello che era successo:
-e stato terribile, povera Daniela-
-lo so tesoro, il mondo è pieno di questa gente malata, purtroppo- , la prese in braccio e la portò sopra il divano, Michele, il figlio, non c'era era andato a studiare da un amico, la fece stendere, le tolse le scarpe e cominciò a massaggiarle i piedi, Lucia continuava a piangere ma si stava lentamente rilassando;
Il marito cominciò piano piano a salire con la mano: passo alle caviglie, poi al ginocchio, alle cosce ed arrivò in prossimità delle mutandine, la gonna praticamente era tutta tirata su, Lucia non disse niente e si lasciò carezzare dal marito, questi gli fa:
-ora applicheremo il mio metodo e vedrai che starai subito meglio-, così le sfilò le mutandine e le allargò le gambe, si tirò fuori il cazzo già in erezione e lo infilò nella fica, cominciò a pompare lentamente poi accelerò il ritmo sempre di più, Lucia stava godendo moltissimo e stava gemendo sempre più forte, vedeva il suo uomo sopra di lui che la stava scopando e trovarsi in quella posizione oscena così a gambe larghe la eccitava incredibilmente; quando stette per venire il marito lo tirò fuori e chiese alla moglie se voleva berlo, lei scandalizzata rispose che le faceva schifo, lui allora cominciò ad arrabbiarsi:
-ma sarà possibile! Siamo sposati da vent'anni e ancora non mi hai mai fatto un pompino, non te lo fai mettere nel culo e non vuoi neanche mai bere la mia sborra, che moglie sei!-, Lucia scandalizzatissima si alzò di scatto e si rinchiuse in camera ricominciando a piangere, il marito entrò subito dopo e vide la moglie seduta sul letto con la testa tra le mani; si avvicinò, l'abbracciò e si scusò:
-mi dispiacere tesoro, non dovevo. Però tu sei venuta mentre io ancora no, mi masturberesti almeno?-, lei, che ormai si sentiva in colpa, fu costretta e così avvicinò la mano al suo cazzo e cominciò a muoverlo su e giù sempre più velocemente, nel frattempo il marito le toccava le tette; alla fine sborrò sul pavimento.
Mentre Lucia lo ripulì il marito andò in bagno a lavarsi; era frustato amava sua moglie ma sessualmente l'appagava poco.
L'infermiera cominciò come ogni giorno le medicazioni a Daniela, le faceva pena quella povera ragazza; doveva sempre cambiarle la benda nella fica e disinfettarla; ogni volta che lo faceva le procurava un certo turbamento, non aveva mai provato attrazione per le donne ma quella ragazza le procurava sensazioni strane; una di quelle volte fu sopraffatta da un impulso irresistibile e, mentre la medicava, avvicinò il viso nella fica e cominciò a leccargliela, Daniela fece per urlare ma provò subito una sensazione di grande piacere, la lingua dell'infermiera si muoveva esperta e Daniela accompagnava il ritmo delle leccate appoggiando la mano sulla sua testa, alla fine venne in un orgasmo dolcissimo, quando rialzò la testa Daniela la ringraziò per il bel regalo che le aveva fatto, nessuno l'aveva trattata così bene; l'infermiera appoggiò una mano sulle tette di Daniela e disse:
-vedrai ti aiuterò a guarire- la baciò sulle labbra e se ne andò.
I giorni passarono e Daniela si sentiva sempre meglio, grazie anche alle "amorevoli cure" dell'infermiera; l'ultimo giorno di degenza per la paziente iniziò come al solito:
la lingua si muoveva senza sosta aumentando e diminuendo il ritmo per prolungare il piacere, l'infermiera ormai era diventata un'esperta e procurava almeno due orgasmi al giorno a Daniela, la fica era ormai completamente guarita e sarebbe uscita dall'ospedale nel pomeriggio, la sorella sarebbe venuta a prenderla alle 17 ma cominciò subito a prepararsi; fatti i bagagli andò dall'infermiera a ringraziarla di tutto; quest'ultima stava in sala infermieri a prendersi un caffè,
Daniela la prese per mano e la portò in bagno:
-volevo ringraziarti per tutto quello che hai fatto-
-non devi Daniela mi è piaciuto farlo-, in quel momento Daniela cominciò a tastarle il sedere e il seno, le sfilò il camice e si chinò su di lei, con la lingua cominciò a cercare il bordo delle mutandine, le cala e comincia a leccargliela, l'infermiera comincia a godere sempre di più fino a quando non viene in bocca della sua ex-paziente; decidono di scambiarsi i numeri di telefono promettendosi di risentirsi.